Wednesday, February 07, 2007

folk as hell

nei giorni scorsi l'amico press si domandava , prendendo spunto dall'intervista a bruno dorella, come si potesse arrivare ai ronin partendo dai napalm death o dagli ac/dc.
a me sin da subito la cosa era sembrata piuttosto naturale anche per un mio parallelismo formativo con bruno.
quella considerazione però era rimasta a galleggiare tra i miei pensieri e di tanto in tanto si aggiungeva qualche tassello al mosaico.
ad esempio se così non fosse non si sarebbe arrivati ai sunn o))), agli earth e a tutti i loro derivati, o agli om che splittano con current 93 e six organs of admittance. se non ci fosse una sorta di legame apparentemente invisibile tra gli estremi che si toccano tutto ciò non sarebbe stato possibile.
lo stesso isidoro bianchi ammette nell'ultimo numero di blow up che se la rivista fosse uscita alla fine degli '80, invece che di ktl e wolf eyes si starebbe parlando appunto di napalm death.
difficile a questo punto escludere dal discorso i primi vagiti del true norvegian black metal , perchè a mio avviso transilvanian hunger (darkthrone) è quanto di più folk si possa immaginare, quanto di più vicino alla natura e alle proprie origini.


47 Comments:

Anonymous Hank said...

Bella riflessione, una mia amica saggia commenterebbe seraficamente: "Tout se tient!". Si cammina a ritroso (e non necessariamente all'indietro, anzi...), ci si vede tutti in Africa.

P.S. Però abbi pazienza e spiegami: cazzo è il "true norvegian black metal"? E in cosa si distingue dal false norvegian black metal?

6:50 AM  
Blogger mr.crown said...

a dire il vero hank , esiste anche il false norwegian black metal che si distingue dal primo per un'attitudine posticcia e di posa.

la differenza tra i green day e i dead boys, tra john denver e johnny cash

7:21 AM  
Anonymous Hank said...

Chiarissimo, thanks. Adesso mi incuriosisce sapere in cosa si differenzia il black metal norvegese (tanto rilevante da produrre filiazioni di poseurs degeneri) da quello, chessò, danese o spagnolo, ma ovviamente non ti tedio oltre e mi documento su Internet (anche se, cosa ancor più ovvia, sospetto che non ci capirò niente).

8:13 AM  
Blogger Morphine said...

Questo post vorrei averlo scritto io, cazzo!

Messaggio in codice per Maud: questa sera io e Manser guarderemo l'ultima della S2 e poi spariremo per sempre. Addio.

8:31 AM  
Anonymous Maud said...

La vostra ipotetica sparizione si tramuta in certezza se osate raccontarmi qualcosa prima che l'abbia vista!!!!

8:38 AM  
Blogger dust said...

ma il cantante cos'ha ingoiato, una grattugia incandescente?
mi ha fatto veramente paura..
lontanissimo dai miei ascolti quitidiani ma apprezzabile.
faccio sempre molta fatica a dimenticare il lato "truzzo" che ho sempre associato a questi generi metal derivati, ma mi rendo conto che sono soltanto miei pregiudizi estetici..

10:01 AM  
Blogger Cosucce Psicotrope said...

ma sapete cari calamari che pure io stavo architettando un post sul black? (non norvegese, però...)

Assolutamente d'accordo, peraltro...il TRUE norwegian deve essere la colonna sonora di te che corri nudo nella gelida steppa norvegese inseguito da un branco di lupi mannari.

10:26 AM  
Blogger Morphine said...

This comment has been removed by the author.

10:36 AM  
Anonymous manser said...

"truzzo", ecco quale era il termine che mi ronzava in testa...perfetto dust, condivido. Ora passerò le mie ultime ore della mia vita (che terminerà questa sera nella tana di morphine) a resettare dal mio piccolo cervello ogni traccia di metal ingurgitato inavvertitamente in questi anni.

10:36 AM  
Anonymous manser said...

Ci tengo a precisare che sono miei..le ore, la vita e il cervello

10:37 AM  
Blogger Morphine said...

Pfui

10:38 AM  
Blogger Morphine said...

"Razors edge
Outlines the dead
Incisions in my head
Anticipation the stimulation
To kill the exhilaration
Close your eyes
Look deep in your soul
Step outside yourself
And let your mind go
Frozen eyes stare deep in your mind as you die
Close your eyes
And forget your name
Step outside yourself
And let your throughts drain
As you go insane... go insane
Innate seed
To watch you bleed
A demanding physical need
Desecrated eviscerated
Time perpetuated
Inert flesh
A bloody tomb
A decorated splatter brightens the room
An execution a sadist ritual
Mad intervals of mind residuals"

SEASON IN THE ABYSS - SLAYER

10:46 AM  
Blogger mr.crown said...

esatto cosucce come sempre hai colto l'essenza. anche ora che sei una rock star, anche ora che sappiamo che chtulhu riposa in polesine.

prossimo video immortal.

dust, capisco benissimo la difficoltà di entrare in un mondo fuori tempo massimo. ma il black metal norvegese degli albori ha realmente uno spirito folk

10:46 AM  
Blogger mr.crown said...

non gli slayer che a mio avviso sono la massima espressione di violenza chirurgica.

10:47 AM  
Blogger Morphine said...

Ma io mi faccio suggestionare dalla violenza chirurgica!!

10:50 AM  
Anonymous Hank said...

Io invece mi faccio suggestionare dalle ideologie paranazistoidi d'accatto, di cui gli Slayer sono chirurgica epitome.

2:55 AM  
Anonymous Hank said...

Suggestionare, doverosa precisazione, nel senso che non trovo che ne si possa apprezzare la... ehm... musica senza vomitare ogni qual volta il... ehm... cantante apre bocca

2:56 AM  
Blogger mr.crown said...

anche se le tendenze politiche come quelle sessuali degli artisti sono per lo più un fatto privato, nel caso degli slayer ti capisco. hanneman del resto ha sempre faticato a negare la sua fascinazione per l'iconografia del reich

3:06 AM  
Blogger Morphine said...

ok, ho scelto un esmpio del cazzo...

3:20 AM  
Blogger Maud said...

Oddio, l'ultima della S2 ha trasformato Morphine in un fan degli Slayer!!!!!

4:15 AM  
Blogger Morphine said...

Ma quale fan. Ho scelto a caso un pezzo thrashcore giusto per! Poi mi è venuto in mente che, effettivamente, i piloti americani li ascoltavano nel '91 mentre bombardavano gli iracheni nel golfo. Insomma, mea culpa, pentitentiagite, qualcuno mi assolva!!

4:20 AM  
Blogger Morphine said...

E comunque, il vuoto che c'è ora nella mia vita è incolmabile...

4:20 AM  
Anonymous Hank said...

Non ce l'ho ovviamente con Morphine, che è la mia (come di tutti) spiritual guidance. Gli è che sono sbottato rammentando che i simpatici Slayer hanno, tra le altre cose, dedicato una canzone al simpatico Mengele, soffermandosi nel testo sui suoi "esperimenti". Il cantante Araya (credo...), di origine cilena, si è segnalato per appassionate perorazioni a favore di Pinochet, giustificandone gli assassinii ("E che sarà mai, un po' di comunisti ammazzati...").

Ma ho una domanda. E' opera di qualche calamaro la scritta gialla che mi appare in cima alla schermata della pagina iniziale: "Segnala a Blogger il contenuto inaccettabile di questo blog"?

5:13 AM  
Anonymous Hank said...

Chiudo e riapro il browser, entro nel sito, e la strisciolina gialla non c'è più. Ma c'era, giuro. Eccheccazzo, l'avevo detto io che Klaus Schulze fa schifo.

5:18 AM  
Anonymous Hank said...

A meno che non sia il mio computer a essere impazzito ("The computer has been drinking, not me" - op.cit.): clicco sul link al blog di Borguez, già pregustandone le recensioni di bossa-hip-trance-dance-Connors-electro-Mazzacane, e mi ritrovo davanti (cosa, è da dirsi, che possiede una sua inattaccabile coerenza) la pagina di tal Johnny Sordo...

5:32 AM  
Blogger Morphine said...

Anch'io mi chiedevo di tal Sordo, anche perchè ho visto con i miei occhi il rinnovato blog di Borguez non più tardi di ieri. E non era così, giuro! Campeggiava anzi in bella vista una foto di Sanguinetti... Mah.

5:43 AM  
Blogger mr.crown said...

hank visioni pomeridiane?!

borguez anche detto johnny sordo, perchè non lo sapevate?!

6:18 AM  
Blogger Morphine said...

Si sta organizzando una gita sociale domani sera a Villa Serena (si chiama così?) a Bologna per il concerto dei Califone. Interessa?

6:23 AM  
Anonymous Hank said...

Giuro, c'era. Sospetto sia un automatismo di Blogger, che presumibilmente pubblica il banner incriminato quando nei post compaiono parole come "nazismo", "Mengele", "Pinochet" (in effetti, il tutto è all'insegna del più sbarazzino buonumore...), "Borguez" o "Cribbio... Klaus Schulze!" per dissociarsi dal contenuto dei blog e cautelarsi da eventuali proteste...

Quanto costa il concerto dei Califone?

8:06 AM  
Blogger diego said...

grazie al demonio kekko non legge questo blog, altrimenti su questo argomento avrebbe partorito uno zibaldone allucinante.

io, dal basso della mia ignoranza, do atto a mr.crown.

8:16 AM  
Blogger Morphine said...

hank, il concerto costa 5 euri

8:20 AM  
Blogger dust said...

prezzo politico direi.. sempre più stuzzicante.
il problema sarà ripigliarsi da una giornata di convegno presso la sede della regione emilia-romagna.. domani vi farò sapere le mie mosse..
per rimanere in metal-theme vi faccio una confessione agghiacciante: la prima audiocassetta originale (che tempi!) che ho acquistato e inserito nel radiolone/mangianastri che avevo sopra il mio lettino era degli Iron Maiden

8:32 AM  
Anonymous Hank said...

@ Morphine: Grazie carissimo, la cosa si fa allettante

8:37 AM  
Blogger mr.crown said...

dust questa confessione fa passare in secondo piano quella del buon gunter (grass)...

8:38 AM  
Anonymous Klaus Schulze said...

The grass is always greener on the other side of the fence

8:50 AM  
Blogger pressapoco said...

...sgozzate il vitello più grasso!

9:13 AM  
Anonymous Il Maggiordomo said...

The warrior is quite ready, e il signor Pressapoco torna a far danni.

10:15 AM  
Blogger Kekko said...

per prima cosa la mia cosa su Hank: la credenza popolare su cui si basa l'assunto che gli slayer siano dei "fottuti" nazisti è dovuta al solo caso di jeff hanneman, che nazista o no è uno dei tre chitarristi più influenti degli anni ottanta (NdK: greg ginn e johnny marr, grazie per la domanda). analizzandone l'opera per filo e per segno rimangono scandalizzati solo i comunisti della domenica tipo gli abbonati del mucchio selvaggio e delle loro cazzo di classifiche sui 100 album peggiori di ogni tempo (tra i quali figurano Divine Intervention e una pietra miliare della musica suonata come Scum): basterebbe Behind The Crooked Cross per assolverli, e l'ottanta per cento dei loro testi sono di interpretazione assolutamente aperta, a partire dalla citata Angel Of Death. il genio è non mettersi a smentire a destra e a manca tanto per pararsi il culo.

detto degli slayer, perdonerete la logorrea ma qualcuno qui sa quanto li amo, mi preme correggere la lucida analisi di mr.crown il quale cita un paragone tra quel che napalm death e compagnia erano alla fine degli '80 e quel che wolf eyes e compagnia sono oggi. beh, sono d'accordo come sempre con mr. crown, ma con le dovute differenze. l'epopea dei napalm death, che tuttora continua con dischi fondamentalmente DELLA MADONNA (non vorrei che lo si dimenticasse), è associabile alle vicende di wolf eyes eccetera solo per il fatto che questi ultimi sono fautori di un suono pesante ed estremo il quale tuttavia è autoreferenziale e assolutamente al di fuori di logiche esaltanti come quelle che davano luogo alla musica dei napalm death. i quali, voglio ricordarlo, si sono SUDATI il diritto di diventare grandi teorici della musica degli anni novanta una volta sciolta la formazione che ha inciso scum (painkiller, scorn, carcass, godflesh, eccetera... nate young tutt'al più potrà fare un progetto millelire e tristissimo di musica più o meno noise con gli smegma e/o anthony braxton, con tutto il rispetto dovuto). così come sunn (o))) diventa il progetto meno eccitante -musicalmente- di un musicista della madonna come greg anderson, ma fa sborrare perchè accanto a lui c'è un grafico da levarsi il cappello... ma io voglio dylan carlson alla presidenza degli USA, ecco.

il tutto per dire che ok i parallelismi e l'ideologia dei cicli e l'eterno ritorno del tutto, ma da questo punto di vista la musica di oggi sembra soprattutto la musica d'allora risciacquata in lavatrice e pure un po' sbiadita. per cui ci sentiamo in diritto, anche noi metallari, di pescare qua e là brandelli di musica interessata e lancinante. magari ovo, magari ronin, magari chasny, magari... non so. dimmi tu il tuo folkster preferito.

...fermo restando che mr. crown è evidentemente nel giusto quando mette folk apocalittico e true norsk black metal uno accanto all'altro, come punk e blues... eccetera. il più grande progetto musicale degli anni novanta è lì a dimostrarlo. sempre viva, sempre giù il cappello.

vado a farmi il crescione della mamma. da non confondersi con l'omonima erba aromatica.

10:33 AM  
Blogger mr.crown said...

kkk così mi sembri più a tema:

hanneman è probabilmente il creatore di riff più copiato dagli 80 in poi , non c'è che dire. indiscutibile. è anche di destra.

nella mia analisi post aperitivo e pre-analgesico avevo volutamente "saltato dei passaggi" altrimenti dovevo riscrivere la storia del rock. il paragone con napalm death lo avevo ripreso da isidoro bianchi sull'ultimo blow up e wolf eyes e ktl li ho aggiunti io. la prima line up dei napalm ha segnato i 90 ma non è detto che tra tot anni non diremo lo stesso dei sunn o))). chiaro che ktl e wolf eyes sono avaguardie figlie dei tempi.

riguardo a dylan carlson ti quoto 100% perchè il vero genio è lui come erano seminali i suoi earth.

greg anderson è solamente un bifolco yankee il cui merito principale è stato quello di fondare la southern lord e riportare in auge band ingiustamente dimenticate come i saint vitus. mediocre chitarrista visto agli albori dei suoi sopravvalutatissimi goatsnake ad eindhoven circa dieci anni or sono. deve il suo successo alle doti di s.o.m.a come musicista, grafico, creatore di immaginari e scenari . per farla breve o'malley è l'artista e greg anderson il commerciante.
le mie fonti come sempre sono attendibili.
apro e chiudo parentesi: oltre a saint vitus e black sabbath i veri precursori della lentezza estrema sono stati i cathedral con il loro mitico e rarissimo "in memorium".

riguardo al link apprezzo sempre la sottile ironia.

12:15 PM  
Anonymous Il Maggiordomo said...

Calamari, the warrior is ready. Riceverete istruzioni.

5:24 PM  
Blogger Morphine said...

Comunque, siccome mi sono sentito chiamato in causa (ma forse mi sbaglio...), io non ho smentito che apprezzo gli Slayer per pararmi il culo con nessuno (con chi poi?), ma semplicemente perchè effettivamente degli Slayer non mi frega un cazzo e non mi piacciono. Li ho tirati in ballo a sproposito e del tutto random (il genere direi c'entri ben poco con il true norwegian black metal...) per scherzare con dust e hank. Fine.

1:49 AM  
Anonymous Hank said...

Nulla da obiettare sul fatto che sia uno dei chitarristi più influenti degli anni ottanta (non ne ho mai ascoltato gli epigoni, il che è un'ottima ragione per non mettere in discussione il fatto che esistano). Quel che non immaginavo è che sia influente al punto tale (e i suoi riff tanto pregnanti) da farne una sorta di Celine redivivo (davvero una sottilissima dimostrazione di genialità non smentire di esssere nazisti, cazzo, neanche Robert Walser, chapeau), da contrapporsi ai rozzi analfabeti abbonati al Mucchio Selvaggio. Ho letto in rete qua e là alcune delle loro alate liriche: quanto di più becero, rozzo, volgare e sessista. Con l'aggravante di poter scandalizzare, tuttalpiù, una maestrina settantenne e illibata. Poesiole da bulletti di quinta elementare. Se soltanto un comunista della domenica alfabetizzato può non farsi suggestionare da quel ciarpame, beh, lietissimo.

3:07 AM  
Blogger pressapoco said...

kekko, ci eravamo dimenticati di dirti che non puoi parlare male del mucchio in presenza d hank! è un po' come la masturbazione... lo fanno tutti, ma nessuno ne parla!

5:44 AM  
Anonymous Hank said...

... di cui, per inciso, la sezione "Politica e altro" (con menzione particolare per la sotto-sezione "Performance") raggiunge di mese in mese picchi di esibizionismo e idiozia che neanche gli Slayer alla cresima della cuginetta... Sei della partita, per i Califone?

6:12 AM  
Blogger pressapoco said...

Franco Califone?

6:19 AM  
Anonymous Hank said...

Si intende, perbacco... Cosa fai, lo snob comunista e ca(li)fone?

6:26 AM  
Blogger pressapoco said...

no, non sarò della partita...

6:28 AM  

Post a Comment

<< Home